Un'innovazione per telefonate e navigazione senza interruzioni

Un'innovazione per telefonate e navigazione senza interruzioni

13/12/2014 16:33

La rivista Nature Physics ha pubblicato una ricerca sulla tecnologia a onde circolari che potrebbe ridurre drasticamente i salti di linee dati. Quindi telefonate e navigazione senza discontinuità.

Il risultato si deve al gruppo coordinato dall'ingegnere italiano Andrea Alù, che lavora negli Stati Uniti nell'università del Texas. Il dispositivo potrebbe essere sul mercato, spiega Alù, già entro tre anni per i cellulari ed entro un anno per altre applicazioni, come i radar. Il circolatore ha la capacità di poter raddoppiare l'uso della banda con vantaggi sia di efficienza sia economici: ''la banda – dice Alù – è un bene molto prezioso ed è limitata questo spiega perché quando c'e' molto traffico telefonico, come allo stadio, cade spesso la linea oppure e' più difficile scaricare materiali da internet se anche altri utenti lo stanno facendo’’.

Il circolatore permette di isolare il segnale e di selezionare la 'rotta' che deve seguire. Senza questa caratteristica, che si chiama rottura della reciprocità, la stessa banda di frequenza non può essere usata per trasmettere e ricevere perché uno dei due segnali tornerebbe indietro. ''Gia' è possibile ottenere questo effetto - sottolinea Alù - con dispositivi basati su materiali magnetici e magneti, ma sono costosi e ingombrati e non posso essere miniaturizzati, quindi, per esempio, non possono essere usati nei telefoni cellulari''.

I ricercatori sono riusciti a ottenere lo stesso effetto con materiali già in uso nell'elettronica, come rame e silicio, che sono economici e consentono di miniaturizzare i dispositivi. Il circolatore realizzato per esempio è grande due centimetri ma secondo gli autori può essere ridotto, fino a pochi milionesimi di metro. Il dispositivo può essere applicato anche in altri settori che oggi usano circolatori magnetici: come sistemi radar per aerei, navi e satelliti, che potrebbero essere miniaturizzati.

Seguici su Twitter @QuoMediaNews



3310